Quickribbon Udinese: il punto della situazione

mercoledì 19 novembre 2008

Marino ha iniziato a catechizzare ieri la squadra, ma vendo 11 giocatori sparsi per il mondo in conferenza stampa ha assicurato che anche a loro quando rientreranno sarà riservato un bel discorsetto dopo la sconfitta interna con la Reggina. Sconfitta che ha lasciato molto araeggiati un po' tutti, e che ora vede l'udinese andarsi a giocare sul difficile campo di Firenze l'aggettivo di 'grande' che le era stata affibbiata fino a quando era in testa. Ma le ultime partite hanno evidenziato dei problemi inutile negarlo, tanto è che il mister ha confermato quanto detto da Pozzo: se a gennaio gli infortunati non saranno al 100% si tornerà probabilmente sul mercato. Insomma il problema sta proprio li. I ricambi sono pochi. 18 giocatori utilizzati pochissimi. Ora però è tempo di concentrarsi sulla Fiorentina anche se fino a venerdi non saranno presenti i nazionali.
AZZURRI – D'Agostino dovrebbe partire dal secondo tempo come Quagliarella, mentre Pepe sarà titolare. Idem Obodo e Inler e naturalmente Sanchez e Isla. Al loro ritorno si valuteranno le condizioni.

ZAPATA – Il colombiano alla fine non è partito per partecipare a Nigeria – Colombia. La condizione è scarsa e il giocatore si è recato a Barcellona per un consulto che dovrebbe definitivamente dare delle risposte. Il colombiano ha molto da lavorare per ritrovare la brillantezza. Sicuramente lui a Firenze non ci sarà se non tra i convocati per seguire la squadra.
FELIPE – Chi invece potrebbe esserci è Felipe che in Coppa Italia ha fatto bene. Difficile anzi impossibile dire se partirà dall'inizio o se non partirà affatto, certo è che Coda deve rifiatare. Possibile anche una staffetta. Nei prossimi allenamenti si capirà qualcosa in più.

DI NATALE – Così come si capirà qualcosa in più su Di Natale, ha ripreso la preparazione nel pomeriggio al Bruseschi, in vista della trasferta di sabato a Firenze. Il numero 10 è ritornato ad allenarsi sul campo dopo due settimane di stop causate dallo stato febbrile e dai dolori al ginocchio sinistro. Di Natale ha svolto un lavoro differenziato, con e senza l'uso del pallone. Per ora le possibilità che scenda in campoa Firenze sono sul 70% ma tutto si deciderà nei prossimi giorni vedendo come il ginocchio risponderà alle sollecitazioni.
L'ALLENAMENTO - Si è concluso con con una partitella in cui hanno partecipato anche alcuni ragazzi della Primavera. Però mancando molti giocatri nonn si è potuto capire molto sulle intenzioni di Marino sulla formazione che comunque non sarà di certo rivoluzionata. Su questo ci scommettiamo.

QUI FIRENZE – Prandelli sta pensando di cambiare modulo dopo la sconfitta di Cagliari. Ma la decisione sarà presa solo negli ultimi giorni dopo aver provato e riprovato. Possibile un 4-2-3-1 con maggiore spessore sul gioco in verticale, due trequartisti e una unica punta punta. Mutu e Jovetic giocherebebro ai lati. Gilardino che di gol all'Udinee ne ha fatti tanti la punta di peso.


(udineseblog)

0 Comments:

Post a Comment



Articoli correllati